aumenta il testo riduci il testo Bookmark and Share
  • Home
  • » News
  • » La raccolta differenziata si ferma al 51%
14 settembre 2018

La raccolta differenziata si ferma al 51%

La Repubblica - Per la prima volta l'Annuario Arpat dei dati ambentali della Toscana ha preso in esame anche i rifiuti urbani e speciali della regione. I due dati salienti sono che ogni toscano butta nella spazzatura 617 chili di rifiuti l'anno e che la media della raccolta differenziata è del 51% sul totale. Qui la situazione è variegata perché ci sono Comuni virtuosi che arrivano, alcuni al 70% di raccolta diferenziata, altri oltre l' 80%, altri ancora sfiorano il 90%. Ma ce ne sono vari altri indietro. Così che alla fine la media resta assai sotto il 65% che secondo la norma nazionale doveva essere raggiunto da tempo e troppo lontano dalla meta del 70% entro il 2020, cui impegna il piano regionale.
Punti scuri anche nella depurazione dei reflui urbani. Arpat ha effettuato controlli in 171 depuratori di reflui urbani maggiori di 2000 abitanti equivalenti (una misura che esprime l'impatto delle utenze, civili e produttive, sul carico di un impianto di depurazione in termini omogenei e confrontabili) rilevando in 50 di questi varie irregolarità che hanno prodotto sanzioni e comunicazioni di reato in numero maggiore rispetto agli ultimi anni.