aumenta il testo riduci il testo Bookmark and Share
  • Home
  • » News
  • » La storia Contro lo spreco la doggy bag e il ritorno della mezza porzione
15 maggio 2018

La storia Contro lo spreco la doggy bag e il ritorno della mezza porzione

La Repubblica -Mezze porzioni al tavolo del ristorante e doggy bag a fine pasto. Anche le grandi scalate cominciano dai piccoli passi e questi sono i primi. Il pacchetto si chiama Urban Waste e comprende un elenco di comportamenti virtuosi per non sprecare il cibo e per una riduzione dei rifiuti. Diffusione di mappe con i punti della città in cui Publiacqua offre da bere gratis. E poi la donazione a scopi sociali degli avanzi da parte degli hotel e del catering.
L'accordo è stato firmato ieri tra Regione Toscana, Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Alia, Publiacqua e associazioni di categoria.
«Con queste azioni antispreco - spiega l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni intendiamo offrire un contributo a quella economia circolare che parte da una riduzione dei rifiuti e, a valle, prevede un loro recupero e riutilizzo. Non è soltanto una questione ambientale, ma etica » . Il Garibaldi Blu, hotel di piazza Santa Maria Novella, è stato il primo ad aderire al progetto assieme agli altri della catena Wtb: la mattina due volontari della Caritas passano dall'albergo a recuperare cornetti e toast, gli avanzi della colazione che normalmente andrebbero nella spazzatura. « Sono cornetti ottimi, freschi, non surgelati, ma non utilizzabili il giorno dopo » spiegano dall'albergo. Così lì in tarda mattinata vengono portati in una casa di accoglienza per donne, bambini e anziani disagiati. « Ne siamo felici - spiega Pierluigi Sassano del Garibaldi Blu - più che a sconti per la Tarsu che potremmo avere in futuro, ci premeva che gli avanzi dei buffet della colazione potessero andare a persone bisognose».
Per la doggy bag, ha spiegato l'assessora di Palazzo Vecchio, Bettini «inizieremo da Borgo San Lorenzo e a Firenze da piazza della Passera » dove ci sono state le prime adesioni. I locali che aderiscono avranno il logo di « Urban Waste».
Sono previsti anche opuscoli in lingue diverse, per fare la raccolta differenziata, indicando quali sono le 47 isole ecologiche del centro. Sempre in collaborazione con i ristoranti, ci saranno oltre ai menù per bambini, le mezze porzioni e menù che mettono in evidenza quei piatti della tradizione che utilizzano " scarti" della cucina, come il pane raffermo nella pappa al pomodoro. Allo stesso modo i ristoranti che aderiscono al progetto potranno promuovere l'uso di doggy bag con cui il cliente può portare via i propri avanzi da consumare successivamente. Borracce con il logo « Florence Urban Water » verranno distribuite in premio fra chi utilizzerà la Waste App che farà da guida ai comportamenti virtuosi sulla prevenzione e sulla corretta raccolta dei rifiuti ottenendo dei punti che saranno poi convertiti in premi.

Corriere Fiorentino

INTESA CON I RISTORANTI
Doggy bag e catering per ridurre i rifiuti
Doggy bag nei ristoranti, uso dell'acqua di rete con una mappa sulle fontanelle da consegnare ai turisti, donazione di cibo in eccesso da parte di hotel e catering a fini di solidarietà sociale, istruzioni chiare in lingue diverse per fare la raccolta differenziata: queste le azioni a favore della riduzione di rifiuti del progetto europeo Urban Waste, nell'ambito del quale ieri è stato firmato l'accordo tra Regione Toscana (capofila), Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Alia Spa, Publiacqua Spa, e i principali stakeholder del territorio.